iot viaggi
Tutte le nostre news

Vucciria, un’opera d’arte

03 Settembre 2021

In questo periodo, in cui più che mai sento il desiderio di viaggiare, ho rivisto il magnifico quadro di Guttuso dipinto nel 1974: la Vucciria. Ho risentito palpitante il mercato: i colori, il pesce, la testa del pesce spada, olive, frutta, verdura, la gente che si infila tra le bancarelle urtandosi e toccandosi, i venditori con la coppola… tutto mi è sembrato vero e mi ha ricordato l’esperienza vissuta direttamente ormai tanto, troppo tempo fa. Il mercato della Vucciria è uno dei più tipici di Palermo. A dire il vero, nel tempo, ha perso un po’ della sua aria più verace, ma rimane sempre un luogo dove immergersi e lasciare libertà ai nostri 5 sensi. Non è un mercato che inizia all’alba, ma arrivando a metà mattina, il primo impatto lo dà l’udito: i venditori propongono a voce spiegata la loro merce. Poi si aprono gli occhi. Sulle “balate”, le lastre di marmo, e su ceste, cassette, vasi, si manifestano tutti i colori della tavolozza. Ci sono le famose olive di Castelvetrano, verdure verdi, pomodori rossi, arance arancioni, fichi marrone, cipolle bianche, gialle, rosse, il bordeaux dei pomodori secchi, i colori delle spezie. Ed ancora pesci di tutte le misure, polipi, cozze nere, ghiaccio bianco. E subito ecco il tatto: viene voglia di toccare qualche prodotto, si viene urtati da qualche massaia o da un turista invadente, richiamati da un venditore che ti propone la sua specialità. Ma già stai odorando: odori e profumi mescolati con diverse intensità che a volte inebriano e a volte disturbano. E Vucciria è anche dolci, e quindi non ci si può far mancare un frutto di marzapane, un biscotto di mandorle o un cannolo. Poi nel pomeriggio , verso sera, Vucciria si trasforma: scemano le bancarelle, e crescono ristorantini e bar, trasformando ancora una volta lo scenario che diventa un luogo di movida, di apertivi e, fino a tardi, di vita notturna. Una gita o una vacanza in Sicilia e a Palermo è anche questo, tra le tante cose da fare e da vedere: sentirsi dentro il quadro di Guttuso. Ritorneremo anche a Palermo.

Torna al blog

Contattaci

Per qualsiasi altra informazione o domanda relativa ai nostri viaggi o alle nostre offerte, utilizza il modulo di contatto qui sotto.
Per favore ruotare il dispositivo per una esperienza migliore